Opzioni e trading di futures: qual è la differenza?

Futures e Opzioni condividono molte somiglianze. Entrambi ti danno un potenziale di guadagno illimitato ed entrambi sono estremamente popolari tra i commercianti al dettaglio. In particolare, i due sono derivati, nel senso che derivano il loro prezzo da un altro asset. Scegliere di scambiare uno sull'altro avrà molto senso in alcune circostanze poiché il modo in cui operano i due strumenti e i loro mercati sono molto diversi.

Ma prima di poter fare quella chiamata e decidere quale strumento finanziario ha maggiori probabilità di farti guadagnare, devi avere una profonda comprensione dei due. Oltre a darti un rapido aggiornamento su cosa sia il trading di futures e opzioni, abbiamo confrontato i due per te, così hai più tempo a scegliere tra i due.

Che cos'è il trading di opzioni?

Opzioni sono contratti che conferiscono a un investitore il diritto di acquistare o vendere azioni a un prezzo stabilito in un secondo momento. Dal momento che non sei obbligato a comprare o vendere nulla, rischi meno capitale e avere l'opportunità di fare più soldi.

Come-scambiare-opzioni
Come-scambiare-opzioni

Le opzioni assumono due forme:

Opzioni di chiamata:

Queste opzioni ti danno il diritto di acquistare un'azione, un'obbligazione, una merce o un'attività a un prezzo prestabilito entro un periodo specificato. Devi usarli quando pensi che il prezzo di un asset aumenterà.

Opzioni di vendita:

Queste opzioni ti danno il diritto di vendere un'azione, un'obbligazione, una merce o un'attività a un prezzo prestabilito entro un periodo specificato. Devi usarli quando pensi che il prezzo di un asset sta per scendere. Un tempo di scadenza viene impostato quando metti le mani su un contratto di opzioni.

Se ottieni un Opzioni in stile americano contatto, potrai esercitare la tua opzione in qualsiasi momento prima che scada. D'altra parte, se ottieni un Opzione in stile europeo, potrai esercitare la tua opzione solo alla scadenza. Sebbene le opzioni in stile americano siano molto più flessibili di quelle europee, sono anche più costose.

Per chiudere il contratto, puoi vendere la tua opzione a un altro trader prima che scada o eseguire il contratto. Se lasci l'opzione e non la rinnovi, scadrà e non ti darà alcun profitto. Il premio andrà sprecato, ma non perderai più soldi.

Che cos'è il trading di futures?

Futuri sono essenzialmente contratti che rappresentano un accordo in base al quale due parti, un acquirente e un venditore, scambieranno un bene a un prezzo concordato a una data stabilita. La differenza fondamentale tra future e opzioni è che con un'opzione non sei obbligato a negoziare nulla, ma hai il diritto di negoziare. Con un contratto future, sei obbligato a negoziare con l'altra parte alla scadenza del contratto, indipendentemente dal fatto che tu stia acquistando o vendendo.

Trading di futures
Trading di futures

Un trader può anche chiudere una posizione future acquistando o vendendo un contratto identico. I mercati futuri comportano molta leva. I trader non devono pagare per intero e in anticipo l'asset che stanno acquistando. Solo una percentuale del valore del contratto deve essere pagata. Puoi negoziare titoli, materie prime, valute, buoni del tesoro e indici con un contratto futures. Esistono due modi per utilizzare un contratto future: per speculare e per copertura:

  • Speculando: La speculazione è quando un trader punta sul prezzo di un asset. Se pensi che il prezzo aumenterà, puoi acquistare una posizione speculativa. Se pensi che il prezzo stia andando nella direzione opposta, acquista una posizione corta.
  • Copertura: Un'operazione effettuata utilizzando i futures per limitare le perdite in caso di variazione del prezzo è chiamato operazione di copertura. Supponiamo che un agricoltore stipuli un contratto a termine per vendere il proprio caffè. Poiché il prezzo rimarrà fisso nel contratto, se il prezzo del caffè scenderà in futuro, ciò non influirà sull'attività del coltivatore.

Inizialmente, i contratti futures venivano utilizzati da agricoltori e commercianti per impegnarsi in operazioni future, da cui il nome "futures". Il vantaggio di tali accordi era che sia il rivenditore che l'agricoltore non sarebbero stati influenzati dalle variazioni di prezzo. Ma ora, i futures sono utilizzati anche dai trader per speculare. Questi trader non hanno alcuna intenzione di prendere in possesso l'attività sottostante e optano per un regolamento in contanti.

Differenze tra opzioni e futures

Al valore nominale, opzioni e contratti futures non sembrano molto diversi. Tuttavia, ci sono diverse differenze tra di loro, tutte contrastate di seguito.

Acquisto di un contratto: premi e margini

Quando si stipula un contratto di opzioni, è necessario pagare una commissione chiamata premio. Il premio è essenzialmente il prezzo del contratto pagato al venditore o allo scrivente del contratto. Per convenzione, un contratto di opzioni rappresenta un impegno di 100 azioni. D'altra parte, quando si stipula un contratto future, è necessario mettere giù l'iniziale margine della tua posizione. Il valore di questo margine varia da contratto a contratto ed è stabilito dallo scambio. In genere è compreso tra 3% e 9% del valore del contratto.

Trading a margine
Trading a margine

Oltre a pagare il margine, un trader deve anche detenere un margine di mantenimento sul proprio conto fino alla vendita o al completamento del contratto. Il valore del margine di mantenimento richiesto è stabilito in ogni contratto futures. L'inserimento di un contratto future implica anche il processo mark-to-market, in cui il saldo del margine viene rettificato giornalmente dal tuo conto. Il profitto o la perdita della posizione viene calcolato alla fine di ogni giornata di negoziazione e trasferiti/prelevati dal saldo del conto del commerciante.

Tieni presente che il margine può scendere al di sotto del livello del margine di manutenzione, nel qual caso viene generata una richiesta di margine. Il trader deve trasferire i fondi richiesti sul proprio conto e, in caso contrario, la posizione verrà liquidata. Il pagamento residuo e le commissioni vengono saldate al completamento del contratto futures.

Nota:

Il margine che devi pagare per entrare in un contratto futures può variare tra le migliaia. Al contrario, i premi delle opzioni in genere costano meno di cento dollari.

Rischio e leva

L'unico rischio è il premio. Il rischio è predefinito e limitato, quindi sai esattamente quanto perderesti se le cose non andassero per il verso giusto. La vendita di contratti di opzione, d'altra parte, è molto più rischiosa. Il rischio per l'autore dell'opzione (il venditore) è praticamente infinito poiché non si può dire quanto sarebbe alto il prezzo. Detto questo, le probabilità di vincita sono molto più alte quando vendi opzioni rispetto a quando le acquisti.

Il valore di un contratto è determinato dal valore dell'attività oggetto di negoziazione. Indipendentemente dal fatto che tu sia alla fine dell'acquisto o della vendita del contratto, non si può dire quanto hai da perdere (o guadagnare). Inoltre, poiché i future utilizzano la leva, entrambe le parti corrono un rischio molto più elevato. Mentre anche i contratti di opzione fanno uso di influenza, il rischio per coloro che detengono contratti futures è molto più elevato poiché anche la leva finanziaria è molto più elevata.

Puoi inserire una posizione in futures con leva 10x. Ciò potrebbe aumentare esponenzialmente i tuoi profitti, ma allo stesso tempo rischi anche di perdere una fetta significativa del tuo capitale.

Regola del commerciante di modelli diurni

L'Autorità di regolamentazione del settore finanziario applica la regola del Pattern Day Trader. La regola si applica alla maggior parte dei titoli, comprese le opzioni. Se hai meno di $25.000 nel tuo conto di trading, la regola entrerà in gioco e limiterà il numero di operazioni che puoi fare in un giorno.

Se desideri eseguire più di quattro operazioni al giorno per cinque giorni consecutivi come fanno i day trader, dovrai aggiungere $25.000 al tuo conto di trading. La regola PDT non si applica alle opzioni futures, in quanto non sono regolamentate dalla FINRA.

Cos'è FINRA?

La National Futures Association regola i futures e non impone tali restrizioni.

Decadimento del tempo

Man mano che un contratto di opzioni si avvicina alla scadenza, il suo valore dovrebbe diminuire poiché le possibilità che l'opzione produca profitti diminuiscono costantemente.

I contratti futures non sono influenzati dal decadimento del tempo perché entrambe le parti sono obbligate a concludere la transazione alla fine del periodo contrattuale. Indipendentemente dal fatto che entri nel trade un giorno o un anno prima della scadenza, non devi tenere conto del decadimento del tempo ed essere preoccupato che influisca sul tuo trade.

Decadimento del tempo
Decadimento del tempo

Liquidità e trading notturno

Il mercato azionario statunitense è aperto dalle 9:30 del mattino alle 4:00 di mezzogiorno, quando vengono scambiate le opzioni. Sebbene molti broker ora facilitino il trading fuori orario, il suo utilizzo non è l'ideale per i trader, poiché la liquidità del contratto è massima quando il mercato è aperto. Inoltre, fare trading fuori orario non è una buona idea poiché i movimenti dei prezzi sono più irregolari, slittamento è aumentato e lo spread del prezzo bid-ask è molto più ampio.

I mercati dei futures sono aperti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e poiché i mercati sono solidi e liquidi, non devi affrontare i problemi che comportano le opzioni di trading. I future vengono scambiati in grandi volumi ogni giorno, anche nei giorni festivi, il che significa che puoi entrare e uscire dalle tue posizioni in qualsiasi momento senza problemi. I trader all'estero e coloro che lavorano un 9-5 preferiscono il trading di futures rispetto alle opzioni per questo motivo.

Redditività

Non c'è limite a quanti soldi puoi guadagnare con opzioni e futures. Entrambi i contratti possono essere ugualmente redditizi. Sapendo questo, decidere tra i due può sembrare difficile. Se sei confuso tra i due, ricorda che il trading di contratti futures è molto più rischioso del trading di opzioni. I contratti futuri comportano un'elevata quantità di leva finanziaria e scambiarli non è adatto a trader inesperti con una bassa tolleranza al rischio. Un'oscillazione senza precedenti nella direzione del prezzo può avere un effetto disastroso sul portafoglio di un trader e persino influire sul suo benessere.

Fai trading di futures solo se hai un'elevata tolleranza al rischio, sei in grado di gestire i rischi in modo appropriato, sei stato costantemente impassibile riguardo al trading e hai il capitale per sostenere il trade-up se va storto. Se sei nuovo nel trading e non ti adatti allo stampo, attieniti alle opzioni di trading finché non lo fai.

Imposta

I futures sono soggetti a leggi fiscali più favorevoli rispetto alle opzioni, il che è una buona notizia per gli swing trader e gli scalper. Anche le leggi fiscali per i futures sono molto meno complesse. Il codice fiscale statunitense afferma che i contratti future devono essere tassati su base 60/40 in base alle aliquote delle plusvalenze a lungo ea breve termine. La durata dell'operazione è irrilevante.

Le tasse

In altre parole, 60% dei rendimenti delle tue operazioni sono tassati all'aliquota dell'imposta sulle plusvalenze a lungo termine di 15%. Il resto dei rendimenti è tassato all'aliquota dell'imposta sulle plusvalenze a breve termine di 35%. Calcolando i numeri, dovrai pagare 23% dei tuoi guadagni dal trading di futures al governo.

Calcolare l'imposta che devi pagare per le opzioni di trading è molto più complicato. Devi considerare la durata dell'operazione, indipendentemente dal fatto che tu fossi lo scrittore o il titolare di un'operazione e se stavi lavorando con una put o una chiamata. Il tasso di plusvalenza a lungo termine si applica se un'operazione di opzioni è detenuta per più di un anno. D'altra parte, il tasso di plusvalenze a breve termine si applica se un'operazione è detenuta per meno di un anno. Devi fare la tua due diligence e consultare un professionista prima di iniziare a fare trading di futures o opzioni.

Guide passo passo su come negoziare futures e opzioni

Sia i futures che le opzioni sono contratti rischiosi e l'inserimento di entrambi può destabilizzare il tuo portafoglio. Navigare in future e opzioni è impegnativo e rischioso. Ci sono diversi fattori che devi considerare prima di decidere quale scegliere. Prendi in considerazione la tua propensione al rischio, considera la liquidità che hai e anche quando vuoi andare in pensione.

Se sei preoccupato per la complessità del commercio, puoi mettere le mani su alcuni contratti futures basati su indici come i futures E-mini NASDAQ. Sono facili da navigare. Se vuoi fare trading su qualcosa che ti dia la flessibilità di vendere in qualsiasi momento, puoi acquistare opzioni su azioni di alto valore, in particolare azioni tecnologiche. Anche controllare le azioni dell'S&P 500 e del Dow Jones Industrial Average è una buona idea. Una regola pratica è correre il minor rischio possibile. Sia i futures che le opzioni sono strumenti altamente rischiosi che possono lasciarti in una cattiva posizione finanziaria. Tuttavia, se hai il capitale per far fronte a rischi elevati e lavori al fianco di consulenti finanziari e trader professionisti, il trading sia di futures che di opzioni non è una cattiva idea.

Come fare trading sui futures

Binance Futures

Passaggio #1: comprendere i rischi

Il trading di futures può essere snervante. Ma se capisci cosa ti aspetta, ti sentirai più a tuo agio nel correre dei rischi. Quello che devi ricordare è che i futures sono strumenti finanziari a leva. Significa che pagherai in anticipo un importo relativamente piccolo per controllare un importo molto più grande.

L'elevata leva finanziaria può aumentare i tuoi profitti in modo astronomico. Nonostante ciò, è un'arma a doppio taglio e amplificherà anche le tue perdite. Stai per perdere molto di più di quanto hai inizialmente investito. Pianificare attentamente le tue operazioni è un must prima di entrare in una posizione. Assicurati di identificare sia l'obiettivo di profitto che di avere un piano di uscita pronto per tutti i possibili scenari.

Passaggio #2: registrati con un intermediario

Iniziare con il trading di futures è molto più facile di quanto ti aspetteresti. Puoi aprire un conto con un broker in pochi minuti. UN broker di futures chiederà informazioni sul tuo reddito, esperienza di trading e patrimonio netto. Domande come queste aiutano il broker a valutare quanto capitale puoi realisticamente rischiare.

Garantire che l'intermediazione fornisca l'accesso ai mercati che ti interessano è fondamentale. Inoltre, poiché non esiste uno standard del settore per quanto riguarda le commissioni e le strutture delle commissioni, dai un'occhiata a una manciata di broker anche dopo aver pensato di aver trovato quello giusto. Ci sono diversi broker rispettabili nel settore, ma ognuno offre diversi insiemi di servizi. Sebbene alcuni forniscano eccellenti strumenti di ricerca, potrebbero non fornirti un preventivo e un grafico. Alcuni possono offrire grafici ma non aiutarti con la ricerca.

Molti broker offrono ai trader l'accesso a conti demo, che sono conti caricati con valuta virtuale falsa. Puoi utilizzare questo conto per praticare strategie ed effettuare operazioni sul mercato senza rischiare capitale reale nel tuo conto di trading. Se non hai mai negoziato futures prima, ti consigliamo di dedicare un po' di tempo all'utilizzo del conto demo e di controllare le strategie prima di utilizzare qualsiasi capitale. Anche i trader esperti utilizzano questi account per provare nuove strategie.

Non tutti i broker offrono a conto demo. Devi fare la tua due diligence e iscriverti solo con un intermediario che soddisfi le tue esigenze.

Passaggio #3: scegli il mercato giusto in cui fare trading

Inizia sempre a fare trading di futures in mercati con asset, settori o settori di cui conosci molto. Se fai trading di metalli da molto tempo, il trading di futures sull'oro potrebbe essere la strada giusta da percorrere. Inizia con la tua zona di comfort e avventurati lentamente e con attenzione verso un altro mercato che ritieni possa servirti bene.

Cerca di concentrarti al massimo su due mercati, poiché ciò ti consentirà di concentrare la tua attenzione in modo ottimale. Dopo aver scelto un mercato a termine, inizia a lavorare per formarti un'opinione sul suo movimento di prezzo. Studia i negozi di notizie rilevanti, fai qualche analisi tecnica e trattalo come tratteresti un'operazione di equità. Quando pensi di avere una buona idea della direzione in cui sta andando il prezzo dell'attività, passa al setaccio i contratti futures, identificali per dimensione e durata e trova quello che si adatta alle circostanze.

Passaggio #4: eseguire e gestire lo scambio

Dopo aver stabilito un contratto future, creare un piano di entrata e di uscita. Inoltre, calcola il requisito di margine iniziale, in modo da sapere quanto ti serve nel tuo account per portare a termine lo scambio. Quando tutto è pronto, stabilire la posizione inviando un ordine di esecuzione. Non dimenticare di tracciare la tua strategia di uscita utilizzando un ordine stop o un ordine a parentesi o un altro ordine protettivo.

Mentre un ordine protettivo aiuterà a gestire il rischio, devi rimanere diligente ed essere pronto a rivalutare il tuo piano di uscita se il mercato inizia a muoversi contro di te.

Come negoziare Opzioni

Opzioni call-and-put-

Passaggio #1: registrati con un intermediario

È evidente che il trading di opzioni non è semplice come il trading di azioni, poiché ci sono più parti mobili. Devi rispolverare il tuo gergo di trading di opzioni prima di andare online e trovare il broker giusto. I broker di opzioni avranno bisogno di saperne di più su di te prima di poterti permettere di scambiare opzioni. Verrai sottoposto a screening e l'intermediazione valuterà la tua esperienza di trading, il background, il patrimonio netto e altro ancora.

Dopo che l'intermediazione ha valutato il rischio che puoi correre e la tua preparazione finanziaria, i dettagli saranno documentati in un accordo commerciale. È solo dopo lo screening e la documentazione che la tua richiesta di utilizzare una piattaforma per fare trading viene accettata o rifiutata.

Puoi aspettarti che l'intermediazione ti chieda di fornire:

  • Dettagli della tua esperienza di trading: Aiuta l'azienda a valutare le tue conoscenze di investimento. Devi anche fornire loro dettagli come il numero di operazioni che fai in un anno e la dimensione tipica delle tue operazioni.
  • Informazioni finanziarie: Devi calcolare il tuo patrimonio netto liquido e tenere conto degli investimenti che puoi vendere rapidamente in contanti. L'intermediazione dovrà anche conoscere il tuo patrimonio netto e le informazioni sull'occupazione.
  • Obiettivi di investimento: L'intermediazione chiederà se vuoi fare trading a tempo pieno, per far crescere i tuoi soldi, per preservare il tuo capitale o solo per speculazione.
  • Tipi di opzioni: L'intermediazione ti chiederà se intendi negoziare call, put o spread. Se scegli di essere un venditore o uno scrittore, sarai obbligato a cedere le azioni se l'acquirente esercita l'opzione. È necessario informare il broker se si protegge la propria operazione con azioni sottostanti, ad esempio, si effettuano operazioni coperte o si effettuano operazioni non protette o "nude".

Dopo aver raccolto le tue risposte, l'intermediazione ti assegnerà un livello di trading basato sul livello di rischio più alto che puoi correre.

Il processo di screening non dovrebbe mai essere unilaterale. Se sei interessato a fare affari con un broker, assicurati di porre loro tutte le domande che desideri. Se il broker non offre gli strumenti di ricerca, la guida e il supporto necessari per fare soldi, non vale la pena iscriversi all'intermediazione.

Nota:

Se sei nuovo nel trading di opzioni, devi prestare particolare attenzione, poiché l'intermediazione che utilizzi può aumentare o distruggere le tue possibilità di successo.

Passaggio #2: scegli le opzioni per acquistare o vendere

Ecco un rapido aggiornamento sulla terminologia che devi conoscere:

  • Un'opzione call è uno strumento che dà a un trader il potere di acquistare azioni a un prezzo predeterminato. Tuttavia, il trader può scegliere di non acquistare affatto il titolo.
  • Un'opzione put è uno strumento che dà a un trader il potere di vendere azioni a un prezzo predeterminato. Tuttavia, il trader può scegliere di non vendere affatto il titolo.

Se prevedi che il prezzo di un asset salga, puoi acquistare un'opzione call o vendere un'opzione put per realizzare un profitto. D'altra parte, se prevedi che il prezzo di un asset scenda, puoi acquistare un'opzione put o vendere un'opzione call per realizzare un profitto.

Passaggio #3: speculare sul movimento dei prezzi

Indipendentemente dall'opzione che acquisti, devi ricordare che mantiene il suo valore solo se il contratto viene chiuso "in the money". Per le opzioni call, significa che il prezzo corrente dovrebbe essere superiore al prezzo di esercizio per guadagnare soldi. Al contrario, se hai un'opzione put, il prezzo corrente dovrebbe essere inferiore al prezzo di esercizio.

Prima di spendere soldi e acquistare un'azione, assicurati che il suo prezzo d'esercizio rifletta dove vuoi che vada.

Scopri come fare trading con le opzioni
Scopri come fare trading con le opzioni

Diciamo che ritieni che il prezzo di un asset attualmente scambiato per $100 salirà a $110 in una settimana. Puoi acquistare un'opzione call con un prezzo di esercizio inferiore a $110 e, se il prezzo supera il prezzo di esercizio, la tua opzione sarà "in the money". Potresti non trovare un'opzione call che vende al prezzo che desideri. Tuttavia, fintanto che ti assicuri che il prezzo non sia superiore a $110 meno il prezzo dell'opzione, il tuo trade rimarrà redditizio.

Allo stesso modo, se ritieni che il prezzo di un asset scambiato a $100 scenderà a $80, puoi acquistare un'opzione put. Assicurati che il prezzo di esercizio sia superiore a $80. Se il prezzo dell'attività scende a $80, la tua opzione sarà "in the money". Potresti non trovare un'opzione put che vende al prezzo che desideri. Tuttavia, fintanto che ti assicuri che il prezzo non sia inferiore a $80 più il prezzo dell'opzione, il tuo trade rimarrà redditizio. Tieni presente che non puoi digitare un prezzo di esercizio. L'intermediazione di ogni opzione ti darà accesso a una “citazione di opzioni”, che comprende una serie di prezzi di esercizio. Il prezzo di esercizio viene calcolato separatamente per ogni azione.

Tuttavia, gli incrementi del prezzo d'esercizio rimangono costanti. Ad esempio, gli incrementi tra i prezzi di esercizio potrebbero essere $1, $2.50, $5 e così via.

Passaggio #4: calcola il periodo di tempo dell'opzione

Prima di entrare in una posizione, è necessario calcolare il periodo di scadenza del contratto. Il periodo di scadenza indica l'ultimo giorno in cui puoi esercitare un'opzione prima che venga resa priva di valore. Proprio come non puoi digitare un prezzo di esercizio, inoltre non puoi inserire una data di scadenza per il tuo contratto di opzioni. Dovrai scegliere dal numero limitato di opzioni che il tuo broker ti fornisce dalla quotazione delle opzioni.

Una delle cose più importanti da ricordare è che ci sono due stili di opzioni: lo stile americano e lo stile europeo. I contratti in stile americano sono più costosi delle loro controparti europee, ma offre ai trader la flessibilità di esercitare l'opzione in qualsiasi momento prima della scadenza. Sebbene le opzioni europee siano più economiche su cui mettere le mani, puoi esercitare la tua opzione solo il giorno della scadenza. Per questo motivo, le opzioni europee sono considerate molto più rischiose e la maggior parte dei trader preferisce scambiare opzioni in stile americano.

La scadenza di un'opzione può variare da giorni ad anni. Tuttavia, come accennato in precedenza, le opzioni risentono del decadimento del tempo e più lunga è la scadenza, maggiore è il rischio che il contratto non produca profitto. I trader a lungo termine possono ancora correre il rischio con contratti di opzioni mensili e annuali. Il decadimento temporale è un fattore, ma il periodo di scadenza più lungo dà all'asset tutto il tempo per muoversi.

C'è anche la possibilità di mantenere un certo valore temporale anche se viene scambiato al di sotto del prezzo di esercizio. Se vedi che il trade è andato contro di te, ma c'è ancora molto tempo per la scadenza del contratto, puoi comunque vendere l'opzione e guadagnare quanto vale il valore del tempo. Tuttavia, le opzioni che scadono tra un giorno e una settimana tendono ad essere le più rischiose e, se non hai mai scambiato opzioni prima, evitale.

Conclusione: il trading di futures o opzioni è giusto per te?

Il trading di future è giusto per te? O il trading di opzioni è molto meglio per il tuo portafoglio? La risposta a queste domande non è semplice, ma la cosa numero uno che devi considerare è la tua tolleranza al rischio. Anche se non devi necessariamente scegliere tra i due e puoi negoziare entrambi, se stai iniziando il tuo viaggio di trading, il trading di opzioni è la cosa giusta da fare poiché non rischi molto capitale.

Dopo aver padroneggiato il trading di opzioni e aver compreso i pro ei contro, dilettarsi con i contratti future e assumersi rischi leggermente maggiori è la strada da percorrere. I conti demo possono essere estremamente utili per familiarizzare con il trading di futures.

FAQ – Le domande più frequenti su Opzioni Vs Futures: 

Qual è la differenza: Opzioni Vs Futures?

I futures sono contratti che danno autorità al custode con il diritto di acquistare o vendere una merce specifica a un prezzo prescelto in una data ipotizzata nel futuro. Mentre, d'altra parte, le persone che detengono opzioni hanno il diritto di acquistare o vendere un'attività sottostante a un determinato prezzo in una determinata data futura, ma non sono obbligate a farlo. Questa è la distinzione specifica tra futures e opzioni.

Quale è meglio: Opzioni Vs Futures?

I futures tendono ad avere un margine maggiore, sembrano facili da valutare e comprendere e di solito sono più liquidi delle opzioni. Per questi motivi, sembrano avere un vantaggio sulle opzioni. Ma a volte possono diventare più complessi da comprendere rispetto alle attività sottostanti che vengono monitorate da loro. I futures comportano molti più rischi rispetto alle opzioni, quindi devi fare attenzione quando li scambi.

Quale ti porterà più profitto: Opzioni Vs Futures?

Sia le opzioni che i futures non hanno limiti alla parte redditizia e portano grandi profitti. Ma se non riesci a scegliere, dovresti sempre tenere presente che il trading di contratti future comporta sempre più rischi poiché è coinvolta una quantità elevata di leva finanziaria. Pertanto i principianti non devono negoziare contratti futures e devono preferire rimanere con le opzioni. 

Guarda i nostri post simili sul blog:

Ultimo aggiornamento il 24 novembre 2022 da parte di Rohan Mahndiratta